Successo scolastico - Anch'io imparo

Laboratori e formazione per alunne e alunni con DSA degli Istituti Comprensivi e per le loro famiglie

Il progetto intende sostenere le scuole primarie e secondarie di 1° grado nel rendere operativa la missione di garantire l’apprendimento e l’accesso al sapere a tutti e in special modo agli alunni e studenti che presentano maggiori o particolari difficoltà negli apprendimenti, contribuendo a realizzare un contesto educativo inclusivo in cui favorire il benessere scolastico.

Il progetto si rivolge prioritariamente agli alunni e alle alunne con una segnalazione di DSA, lasciando alla scuola il compito di individuarli.
Tuttavia, laddove la partecipazione di alunni con DSA fosse poco numerosa, si potrà valutare la partecipazione di altri alunni che vivano un momento di intenso disagio scolastico in relazione a importanti difficoltà negli apprendimenti.

Formazione per le classi IV-V scuola primaria e prime classi della scuola secondaria di I° grado

sul metodo di studio e gli strumenti compensativi.

Attività rivolta agli interi gruppi classe e sarà svolta in presenza.
Le tecniche di elaborazione del testo e di memorizzazione, infatti, sono utili a tutti gli studenti, non solo a quelli con difficoltà.

Questa attività favorisce la conoscenza e l’apprendimento di un metodo di studio utile per tutto il percorso scolastico e permette ai bambini di prendere consapevolezza delle proprie abilità e di quali siano i propri canali di apprendimento preferenziali.
Inoltre, consente ad alunni e ad insegnanti di lavorare insieme, di conoscere i reciproci punti di forza e di debolezza, favorendo una migliore sintonia che si ripercuote positivamente sulla sfera emotiva di entrambe le parti.
Infine, risulta importante nella prevenzione all’abbandono scolastico, oggi definibile come una vera e propria sconfitta sociale e scolastica.

Una maggiore consapevolezza delle proprie abilità, una sempre maggiore dimestichezza con le diverse modalità di apprendimento ed una maggiore sintonia con se stessi, con i compagni e con gli insegnanti, permette infatti di salvaguardare il ragazzo dal salto di richiesta ambientale che avviene con il passaggio alla scuola secondaria di I grado.
Questo è possibile proprio perché l’alunno ha avuto tempo e modo di sperimentare e fare propri gli strumenti didattici e le metodologie di lavoro che lo accompagneranno per tutto il percorso.
Arrivare alla scuola secondaria di I grado avendo ben chiari i propri punti di forza, i propri punti di debolezza, il metodo di studio idoneo per se stessi, sapendolo usare sapientemente, significa essere in grado, con maggiore probabilità, di far fronte al cambiamento e alle nuove richieste ambientali.

Tipologia di intervento da attivare su richiesta e in accordo con la Dirigenza scolastica e dovrà essere richiesta al Servizio Diritto allo studio tramite email a dirittostudio@comune.imola.bo.it entro il 04 Novembre 2022.

Formazione e informazione rivolta ai genitori di alunni con DSA

Attività che mira ad informare i genitori rispetto a quali siano le difficoltà specifiche di apprendimento e a cosa comportino a livello scolastico ed emotivo, in modo da fornire strumenti per comprendere meglio i ragazzi e le ragazze ed essere loro vicino nel percorso scolastico.

Il numero di incontri verrà deciso a seguito dell’attivazione di tale attività, in relazione anche al numero di partecipanti.
La modalità degli incontri sarà in presenza, con la possibilità di collegarsi anche a distanza, in modo da raggiungere più persone possibili.
 
Tipologia di intervento da attivare su richiesta e in accordo con la Dirigenza scolastica e dovrà essere richiesta al Servizio Diritto allo studio tramite email a dirittostudio@comune.imola.bo.it entro il 04 Novembre 2022.

Lavoro in piccolo gruppo per alunne/i delle scuole secondarie di 1° grado

per il potenziamento del metodo di studio e l’apprendimento di tecnologie didattiche che rappresentano un’area di sviluppo potenziale, soprattutto per coloro che, a causa delle proprie difficoltà, faticano a raggiungere il sapere tramite i canali e i codici carta-matita.
Questa attività è proposta in presenza in orario extrascolastico per piccoli gruppi seguiti e supportati da un educatore.
Questo percorso è finalizzato ad aiutare gli alunni con Difficoltà Specifiche d’Apprendimento (DSA) e permettere loro, a fine percorso, di aggiungere gli obiettivi prestabiliti.

Si può scegliere di lavorare su obiettivi a medio-lungo termine o di lavorare esclusivamente sul compito pomeridiano.

Se si sceglie di lavorare su obiettivi a medio-lungo termine, gli obiettivi sono definiti a inizio di ogni ciclo di ore (a settembre e a gennaio), in accordo con i docenti e tenendo conto di quanto espresso dai genitori.
L’intervento sarà svolto in piccolo gruppo (massimo 4 alunni) che abbiano obiettivi e risorse omogenei tra loro. Questo implica da parte degli insegnanti la necessità di individuare e creare gruppi omogenei, che riescano a lavorare in maniera produttiva insieme.
Non sarà pertanto opportuno inserire nel percorso quegli alunni che per gravità o per motivi organizzativi non riescano ad entrare in un gruppo omogeneo. Questa scelta consente di finalizzare al meglio le risorse, indirizzandola ad una “fascia” di alunni ben definita, dando loro la possibilità di migliorare su aspetti specifici.

Una volta definiti gli obiettivi, si lavorerà e ci si impegnerà per raggiungerli anche attraverso lo svolgimento di una parte dei compiti pomeridiani. Dato che il progetto mira a migliorare la qualità del lavoro svolto, la consapevolezza delle proprie capacità e degli strumenti che si hanno a disposizione, va da sé che non si possa assicurare lo svolgimento di tutti i compiti assegnati per casa.

Se verrà scelta l’opzione di lavorare esclusivamente sul compito pomeridiano, il gruppo, formato anche in questo caso da un massimo di 4 alunni, dovrà portare sempre materiale omogeneo, in modo da semplificare il lavoro e sfruttare al meglio il tempo a disposizione.
Si potrà decidere prima dell’inizio del percorso se lavorare sempre sulla stessa materia o su materie diverse.
Va da sé che, in entrambi i casi, dovrà essere fornito tempestivamente tutto il materiale necessario all’educatore con modalità e tempistiche che andranno definite tra alunni ed educatore prima dell’avvio del progetto.
Nel caso in cui l’educatore non riceva il materiale in tempo utile, il rischio è quello di non sfruttare al meglio il tempo a disposizione.

Il lavoro sui compiti sarà, comunque, svolto basandosi sulla qualità degli esercizi e non sulla quantità. Anche in questo caso è quindi probabile che i compiti non siano completati tutti durante l’incontro, ma si cercherà di far comprendere la modalità di svolgimento, in modo che gli alunni siano poi in grado di completarlo in autonomia.

Dalle analisi degli scorsi anni è emerso che uno dei maggiori timori dei partecipanti riguarda il non riuscire a concludere i compiti assegnati per casa, preferendo quindi concentrarsi su questi ultimi, piuttosto che su obiettivi a lungo termine e preferendo la quantità alla qualità.
Diviene quindi fondamentale che ogni insegnante, nelle fasi iniziali del percorso, si impegni a rispettare tale premessa e a non penalizzare, attraverso richiami scritti o orali, alunne e alunni che, a seguito di un incontro per Anch’io imparo, non avessero svolto tutti i compiti assegnati. Questo non dovrà essere utilizzato come scusa da parte delle alunne o degli alunni, si sottolinea tuttavia l’importanza di un accordo unanime sugli obiettivi e sulle modalità, al fine di raggiungere tali obiettivi entro fine anno, senza gravare sull’aspetto emotivo-motivazionale dei partecipanti.

Ogni Istituto dovrà comunicare entro il 04 Novembre via email a dirittostudio@comune.imola.bo.it il numero di gruppi di lavoro che richiede di attivare e il numero degli alunni con DSA complessivamente coinvolti nel progetto e se la scuola preferisce lavorare sul raggiungimento di obiettivi a medio-lungo termine oppure sullo svolgimento dei compiti pomeridiani.

Sulla base delle richieste pervenute e delle risorse disponibili saranno successivamente assegnate le ore per i singoli istituti. Successivamente, con le referenti di Consorzio Blu dovranno essere condivisi e formalizzati per ogni singolo alunno gli obiettivi ed i risultati attesi al termine del percorso. Questo ha una duplice valenza, da una parte permette l’individuazione di educatori con competenze più adeguate alle necessità e dall'altra permette, a fine percorso, una valutazione congiunta sui risultati raggiunti e sul percorso realizzato. Avere obiettivi chiari e condivisi è di primaria importanza per impostare un programma di lavoro che vede coinvolti molti attori, con diversa formazione, informazione e metodo di lavoro. La psicologa, coordinatrice del progetto, si rende disponibile a lavorare e a collaborare con gli educatori e con gli insegnanti per definire gli obiettivi dei singoli ragazzi e per creare gruppi omogenei di lavoro.

A tal fine si propongono in allegato due schede per la rilevazione del fabbisogno e l’individuazione degli obiettivi una per i docenti e una per i genitori da utilizzare per la programmazione delle attività.

Informazioni - chiarimenti

Servizio Diiritto allo Studio
referente pedagogico: Erika Caregnato - tel 0542 602405
referente amministrativo: Graziella Montuschi - tel 0542 602177
e-mail 

 

 

ultima modifica 11/11/2022 14:51 — pubblicato 06/10/2021 18:05